Archivi categoria: circeo

Luoghi

Standard

Oggi siamo andati in gommone sotto la scogliera, è stato bellissimo! L’acqua era trasparente e profonda, ma verso una spiaggetta era più bassa con grandi sassi bianchi e piatti.

La fidanzata di Godzi (sei anni!) senza dire nulla alla nonna ha cercato di raggiungerlo qualche molo più in là. L’ha mancato clamorosamente venendo ritrovata un centinaio di metri dopo, dopo aver messo in allarme tutta la spiaggia. Andrea non s’è accorto di nulla.

Ieri Godzi ha partecipato alla sua prima gara di pesca ed è arrivato quattordicesimo dopo aver pescato quattro sfortunati micropesci. Era molto contento e ha cercato di andare sul molo anche di notte.

Da parte mia, devo ancora decidere se mi annoio o no quest’anno, ma propendo per la prima ipotesi.

Annunci

Estate

Standard

Ma è davvero un sacco di tempo.

Siamo stati promossi tutti e due. La mia pagella era buona ma scontata, quella di Andrea buona ma sorprendente. Siamo partiti subito per venire qui, al mare.

Ogni tanto faccio i compiti, quasi sempre esco con le mie amiche, facciamo il bagno, oppure con gli asciugamani intorno alla vita sediamo sulle panchine bianche che stanno appena dopo la spiaggiua, sulla strada.

Ho solo due costumi ma resisto a mamma che vorrebbe portarmi con lei a comprarne un altro.

Il Miserabile Facchino dice che i giorni dell’estate sono uguali, ma diversi. Che succedono le stesse cose, ma noi ragazzine siamo già cambiate tra l’una e l’altra.

Domenica

Standard

Ero arrabbiata  perché la mia amica mi aveva invitata al mare, invece devo stare a casa perché è venuta nonna. Certo, con quel vento sarei morta assiderata.

Così ho studiato, ho cercato di convincere papà a comprare un ipad, o un samsung, o un lego per me tutto rosa, o a scelta un gioco per il ds che però uscirà a giugno. Una zanzara mi ha punta due volte.

Andrea litigava con mamma per qualsiasi cosa, e vinceva sempre lui. Però mamma ha un alleato potente che è il Miserabile Facchino, mentre Andrea come alleato ha solo la voce che incrina i vetri.

Ho preparato dei muffin che non arriveranno a domattina. Papà mi ha aiutata e ne ha avuti due, Andrea quattro, io sei.

Tra un po’ finisce la scuola e io sono molto poco triste per questo.

Mare d’aprile

Standard

Andrea costruisce aerei di carta, di Lego, disegna piste di atterraggio sui fogli degli appunti di papà.

Siamo andati al mare oggi, ma non c’era nessuna delle mie amiche e così mi sono annoiata dal primo momento. L’aeroporto di Andrea sul tavolo del salone era stato allagato dall’acqua entrata da un terrazzo con lo scarico otturato. Si sono bagnati anche i cuscini del divano. Papà ha acceso il fuoco nel camino e la stanza si è scaldata un po’. Siamo tornati presto perché pioveva.

 

Sono immobile

Standard

Sono riuscita a rompermi il menisco!

Pattinavo per la prima volta sul ghiaccio e mi sono accasciata come un fenicottero dei fumetti. Il dottore ha detto che ho i legamenti di gomma, ancora, così la pressione sul ginocchio ha fatto danni meno gravi.

Sono dolcemente atterrata nel mio sogno: stare tutto il giorno sul divano, attorniata da libri, kindle e telefonino, col telecomando a portata di mano e il Miserabile Facchino ai miei spietati ordini.

Il mio infortunio ha fatto saltare la settimana bianca, con grande dispiacere di Andrea, che pregustava la Gran Risa con papà. L’ultima volta il Miserabile Facchino s’era dovuto fare un pezzo di muro sciando all’indietro per catturare Godzi che era andato lungo.

Tra una settimana dovrò mollare le mie eleganti stampelle e tornare alla dura lotta per la sopravvivenza (come schivare i lavoretti di casa).

Ah, Godzi si è ammalato per la prima volta quest’anno. Ma è durata solo un giorno. Però la sera che s’è addormentato presto, con la febbre, io mamma e papà ci siamo guardati per capire se quel silenzio era un sogno.

Oggi è sempre oggi

Standard

Agosto ci siamo quasi annoiati. A settembre Godzi ha trovato una farfalla che gli stava sulle dita senza muoversi, ha provato a dargli acqua con dentro un fiore,

– per il nettare. Ha detto.

Tagliando un cavetto verde per fargli un prato finto,

– così si sente a casa.

L’ha messa dentro una scatola, quella ogni tanto provava a volare. Papà gli ha detto che forse era una farfalla anziana. Godzi l’ha lasciata libera nel cortile, posandola su un punto alto.

Ho passato diversi giorni sul divano, convinta che fosse arrivato l’autunno. Poi papà mi portava sulla spiaggia e facevo il bagno e tiravo la sabbia a Godzi facendolo urlare. Come urla!

Godzi ha svuotato l’aeroporto dagli aerei, io ho messo le mie piny pon dentro una scatola, papà ha faticato due settimane per mettere a posto casa.

Oggi era il primo giorno di scuola, con le amiche ci hanno divise, per socializzare, dicono le professoresse, che ancora chiamo maestre.

Godzi ha detto che la nuova maestra di matematica è severa e brutta. Prevediamo battaglie.

Denti

Standard

Godzi si diverte a perdere incisivi accumulando un sacco di euro sotto il cuscino, ma anch’io ho un dente che balla. Papà dice che dovrebbe essere da latte. Quel ‘dovrebbe’ mi preoccupa un po’, ma visto che non faccio come Andrea, che prende botte sulla dentatura ogni giorno, dovrei stare tranquilla. La mia unghia sembra volersi staccare, ma non del tutto, papà mi ha aggiustato la bicicletta, il tempo è bello e non sto facendo neppure un compito estivo, tutto va meravigliosamente.