Archivio mensile:gennaio 2013

Un fine settimana fuori

Standard

Siamo stati a trovare il caro zio Aldo e siamo stati proprio bene. C’erano anche Emma (che ha preparato del formaggio fuso che ho divorato) e zio Paolo, che si è impegnato in una dura lotta con Godzi che voleva fare tutte le cose proibite dentro casa e fuori.

Siamo stati salvi quando Andrea ha trovato un bob da neve che ha convertito in bob da erba. Con quello ha iniziato a lanciarsi sul pendio vicino casa, riuscendo a procurarsi numerosi contusioni dopo aver centrato un paio di poveri alberelli.

Se eravamo preoccupati per l’incolumità della flora, almeno Andrea non era dentro casa a cercare di infilarsi nell’ascensore o a toccare qualsiasi apparato elettronico, compreso un povero robot-aspirapolvere guasto che lui, con ostinazione formidabile, voleva riportare in vita tenendolo attaccato giorno e notte alla presa di corrente (ma quello rispondeva ogni volta “Guasto di sistema” con voce femminile gracchiante e agonizzante).

La mia attività principale, invece, è stata quella di esplorare le possibilità del telefonino che in parte ho ricevuto in regalo per il mio compleanno, in parte ho pagato di tasca mia. Con whatsapp sono stata ore a scambiare preziose informazioni con le mie amiche tipo “Chi riesce a mettere più emoticon su un messaggio”. Quando siamo partiti abbiamo incrociato dei cacciatori che avevano preso un cinghiale enorme e coperto di fango. Era davvero spaventoso!

Annunci