Archivio mensile:giugno 2012

Poche cose

Standard

Le nostre pagelle sono state Molto Buone. Se sulla mia (emh…) non c’erano molti dubbi, quella di Godzi ha creato un’attesa molto interessante, con sudori freddi e prospettive apocalittiche. Invece il terribile moccioso ha migliorato i suoi voti in modo addirittura grandioso, terminando l’anno con un trionfo numerico che ha commosso il Miserabile Facchino e la Grande Generatrice.

Siamo tornati a Roma solo per morire di caldo e noia, per fortuna la sera siamo stati a cena da uno zio che ci ha ospitati sul tetto, da dove si vedeva tutta Roma. Oggi siamo tornati al mare, ma prima abbiamo estorto al Miserabile Facchino un regalo.

Godzi si è molto offeso perché non lo abbiamo accettato sul nostro zatterone formato da materassini legati come capitava. Però lui aveva cacciato due bambine dal suo canotto al grido di.

– Non voglio femmine qui!

Dunque non deve lamentarsi.

Papà gli ha regalato una scatola di Lego per costruire un aeroplano, oppure una macchina oppure un elicottero, così con il nuovo caccia ha potuto dare una compagnia all’aereo passeggeri che, come aveva detto la sera prima con tono lugubre, se ne stava solo soletto, povero e triste, nel suo hangar solitario.

 

Annunci

Mare

Standard

Siamo al mare da ieri, che bello! Sembra incredibile che solo qualche giorno fa, umh, cosa abbiamo fatto?

4 giugno: Andrea ha superato con insperato successo il saggio di musica. Il suo violino, dopo un iniziale rifiuto, è stato suonato dal suo capace archetto, regalando ai presenti grande gioia. Il fatto che Andrea suonasse insieme a tutti gli altri compagni, e che nessuno azzeccasse la nota richiesta, ha reso l’esibizione dei maestri un fantastico tentativo di fare ordine in un caos sonoro.

6 giugno: a scuola abbiamo fatto la foto di classe. Poiché a pranzo avevamo mangiato pasta al sugo, le nostre magliette erano piuttosto rosse, anziché bianche.

8 giugno: ultimo giorno di scuola, in classe noi femmine abbiamo tutte pianto quando la maestra ci ha fatto cantare una canzone molto triste sulla fine della primaria. Intanto Andrea esponeva, insieme a due compagne di classe, tutta una serie di esprimenti scientifici con acqua, farina, zucchero e altre sostanze più o meno solubili. Incautamente gli avevano dato del bicarbonato, che ha versato tutto nel bicchiere facendo schiuma fino al primo piano. La sera sia io che Godzi abbiamo partecipato alla cena di classe. Noi abbiamo risolto un giallo con delitto tra l’antipasto, la pizza e il gelato. Andrea ha invece cercato di dare fuoco alla sua pizzeria, gettandosi poi nella polvere. A mezzanotte il Miserabile Facchino ha dovuto fargli una lunga doccia.

10 giugno: siamo andati a pranzo da zia Patrizia e zio Ferdinando. Siamo stati tutti benissimo. Godzi è stato ipnotizzato da una macchina costruita col Lego. Il fatto che non potesse smontarla ha costituito per lui una sfida eccezionale, che ha superato con grande tempra.

Oggi c’erano un po’ di onde. Ci siamo divertiti e Godzi non ha aspettato papà per tuffarsi, col risultato di far preoccupare tutte le mamme della spiaggia ed essere preso per le orecchie dal Miserabile Facchino.