Archivio mensile:febbraio 2012

Carnevale è finito

Standard

Siamo stati un fine settimana da nonna Adriana. Siamo stati benissimo, eravamo diesse-muniti e quindi non temevano nulla, nemmeno i dinosauri tyrannosaurusrex puzzelloni. mamma e papà sono stati da soli e sono andati a una bella festa.

Abbiamo preso le pagelle. Se la mia è stata leggermente al di sotto delle aspettative, quella di Godzi è stata al di sopra, così mamma e papà sono stati molto contenti perché abbiamo bilanciato.

Andrea, giorno delle Ceneri, ha trovato gustoso lanciare coriandoli contro tutto ciò che si muovesse. Ha riportato il suo violino finalmente funzionante grazie alla pece passata sull’archetto. Ci aspettavamo rumori strazianti, invece Godzi ha prodotto suoni gradevoli.

Dovevo andare alla festa di carnevale in classe, invece ho avuto mal di pancia. Quando si dice la fortuna.

L’istruttore di nuoto di Godzi dice che dovrebbe fare tuffi, che sarebbe forte e bla bla. Anche secondo me andrebbe forte, già a cinque anni si tuffava dagli scogli terrorizzando le mamme.

Annunci

Un pizzico di Carnevale

Standard

Ieri, per meriti sconosciuti a tutti noi, mamma e papà ci hanno regalato delle confezioni di stelle filanti. Abbiamo subito ridotto il pavimento del salone a un ammasso intricato di colori. Godzi ne ha portate alcune a catechismo, con somma gioia di padre Domi. Al nostro ritorno abbiamo radunato l’informe matassa e l’abbiamo appesa a un lume. Poi con le forbici, adoperate in un modo che ha fatto cambiare colore al viso del Miserabile Facchino, abbiamo dato vita al nuovo gioco: “Chiome Ribelli”! Abbiamo messo su un barbiere, tagliando selvaggiamente l’ammasso facendo finta si trattasse della capigliatura di un cliente.

Non sappiamo se le stelle filanti sono contente, ma adesso abbiamo un sacco di coriandoli.

Trasloco

Standard

Con Andrea abbiamo spostato lo scenario di Mondo dal salone alla nostra camera. Papà è felicissimo, il vicino che ha la camera sotto la nostra molto meno. In aggiunta ai vari garage e scuole di karate di Lego, abbiamo aggiunto una piccola ferrovia di legno dalla quale partono treni suicidi, automobili suicide e così via.

La nostra lotta quotidiana, però, è per giocare un po’ di più col nintendo. Papà e mamma ci hanno concesso un’ora, che passa troppo in fretta. Andrea per avere dei minuti in più legge tutte le pagine più facili del suo libro, mentre io mi sforzo di fare cose che non farei mai, tipo apparecchiare o mettere in ordine i cassetti.

L’altra sera Andrea doveva prendere una vitamina che gli piace, ma aveva appena finito di mangiare. mamma gli ha detto,
– Devi prenderla lontano dai pasti.

Godzi ha risposto,
– allora mi allontano dalla tavola.

E’ tutto vero.

La Mia Merenda

Standard

La triste notizia odierna è che papà ha dimenticato di mettere la mia merenda dentro lo zainetto. Mostro! Non è una merenda qualsiasi, ma tenero pandispagna farcito di denso, buonissimo cioccolato.

L’altra triste notizia è che la maestra ci ha dato tonnellate di compiti, non è giusto! mica è colpa nostra se la neve ha fermato i nostri eroici sforzi di andare a scuola.

La notizia buona è che la maestra di musica e inglese è partita e torna lunedì, urrà!

Domani scuola

Standard

Non posso crederci, domani si torna a scuola! Ma c’è neve per terra! Alberi spezzati, ghiaccio, vento freddo, cavallette, orsi bianchi feroci! Niente, domani si torna a scuola…

Ho imparato a memoria la poesia, ho scritto il profilo di due ragazze immaginarie (ma non per me, eheh!). Godzi intanto rumoreggia dalla mattina alla sera, ma a lui tornare in classe non pesa molto, a quanto pare, almeno là può prendersi a botte con qualche altro maschio.

 

Le regole di Mondo

Standard

I personaggi e i poteri del gioco Mondo che facciamo io e Andrea

I personaggi e le cose di Flaminia:
Vanessa
Tempest il cavallo bianco
Orsetto Rosa
Giglio il gatto
Cloe il gatto
Margherita il gatto
Rosso il cane
Casetta Blu
Arcobaleno la pallina rimbalzina
Rosy la macchina di Vanessa
Il doppio garage, al pianoterra la macchina Rosy, al primo piano la pallina rimbalzina
La stalla di Tempest
Il letto di Vanessa
Il cassetto dei segreti di Vanessa
Il Carretto per le carote di Tempest
La culla di Cloe (Rosso dorme per terra)
Il tavolo da lavoro di Vanessa con il computer, il mappamondo, molte cassette e in particolare una cassetta che è la password della stanza di Kai
Le ali di Rosy
Il tavolo da pranzo

I personaggi e le cose di Andrea:
Kai
Cip Lain l’aereo
Le palline rimbalzine Viola, Alberto, ALessio e Giancarlo
La grande stanza di Kai (nel quale si schianta col suo aereo)
Fulmine la macchina (Porsche) sposato con Rosy
Francesco la macchina della polizia
Steward la macchina verde di Kai
Il garage di Steward con una casa sopra che è degli schiavi. I passeggeri e il macchinista del treno, il Guerriero Principiante, sono gli schiavi. Kai li ha assunti perché non avevano più lavoro perché il treno era stato distrutto. Però fanno chiasso e Steward non riesce a dormire. Maria Sole no perché guardava sempre la televisione. Così sono stati buttati nelle macerie di Lego. Ma poi hanno fatto silenzio così sono stati riassunti ma dormono fuori perché Steward non si fida. E anche Maria Sole è stata mandata fuori perché guardava la tv a volume troppo alto.
Il Ragno in Scatola
il macchinista Giacomo
Il guerriero principiante Giovanni (che era un passeggero del treno)
I passeggeri del treno Maria Sole e Giuseppe
La Coppia di Aerei (Carlo il più grande e Blu il più piccolo)
Nex il Guerriero Arancione (che vola per diversi metri per finire in pezzi). L’unico che non ha i poteri dei colori perché l’unica cosa che fa è essere lanciato da una parte all’altra del salone.

Vanessa e Kai sono sposati, ma non ce ne interessa un fico secco, perché ogni tanto combattono uno contro l’altra (e Vanessa ha vinto).
C’è la cosa dei poteri coi colori. Se un personaggio è:
Bianco: fa nevicare
Rosa: fa cambiare colore agli oggetti
Rosso: fa fluttuare gli oggetti
Arancione: fa cambiare forma agli oggetti (ma non il colore)
Giallo: fa diventare invisibili gli oggetti (e di nuovo visibili)
Verde: fa crescere le piante e le modella come vuole
Blu: fa prendere vita alle cose (un pennarello può parlare) e gliela toglie.
Viola: far cambiare il tempo (può far uscire il sole o far venire un temporale, tranne la neve)

Due colori uguali si annullano e un sacco di altre regole che ci vengono in mente mentre giochiamo.

Neve

Standard

Anche oggi non sono andata a scuola, ma ero pronta, lo giuro, ad andare domani. Invece tempeste, bufere, tormente di neve s’abbatteranno su Roma e, purtroppo, dovrò rimanere a casa. Non ho preso bene la notizia, il mio desiderio più grande era andare in classe e sgobbare come una matta sui libri. Già, credeteci! Peccato, resterò a casa sdraiata sul divano a non far nulla, salvo giocare. Resta a casa anche Godzi, così giochiamo a Mondo. O meglio, visto quello che succede tra noi, alla Guerra dei Mondi.