Tutto scorre verso Natale

Standard

Ieri dovevo imparare a memoria una poesia. Non ci riuscivo! Nemmeno la prima strofa! Ho avuto una crisi di nervi perché non mi veniva nemmeno una parola. Il Miserabile Facchino mi ha detto: Lascia stare, dormi e domattina ti alzi prima e vedrai che la ricordi. Come faceva a saperlo? Sembra che l’abbia studiata mentre dormivo. E poi papà mi ha regalato una specie di clarinetto o flauto per le mie lezioni di musica.
Godzi è stato molto invidioso del mio flauto, ma era troppo occupato ad attaccare il ferro da stiro alla presa e cercare di stirare una panca di legno. Papà l’ha scoperto, Godzi è fuggito ma la lunga mano della giustizia l’ha trovato e punito. Poi ha allagato il bagno, ma questo non è stato grave come il Colpo del Ferro. Poi è caduto in casa e si è fatto male al braccio, è caduto per strada e si è fatto male al ginocchio. Io invece ho avuto un leggerissimo mal di pancia che ho curato infilando sotto il pigiama un cuscino caldo.
Sebbene tra qualche giorno sia Natale, qui la confusione regna sovrana e nessuno sa cosa ci riserva il futuro, per quanto immediato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...