Archivio mensile:ottobre 2005

update

Standard

Questo inizio di autunno non porta grandi novità. A scuola va tutto bene salvo che m’addormento come un sasso dopo pranzo, con la testa poggiata sul banco, mi sveglio con l’espressione tonta quando mi vengono a prendere e poi faccio la pazza a casa fino a notte. Ho un po’ di bollicine sul mio augusto gluteame la cui origine rimane ignota alle frotte di dottori che mamma interpella. Anche con Godzilla tutto va come sempre, che noia! Lo spintono qui e là, gli chiudo la porta in faccia, lo induco al pianto disperato e lui, il furbacchione, ormai ha imparato a ululare anche quando lo sfioro! Aspettiamo che il Piccolo Scalatore dica le sue prime parole, che saranno, penso, "Flaminia vile!".  Sono diventata mostruosamente abile con i colori, ora riesco a stare nei margini delle figure che devo colorare. Ogni tanto però devo fare qualcosa di strano.

Grande Generatrice: "Flaminia, ma ti sei dipinta tutta la faccia e le mani con i pennarelli!".
"Augh!".
Poi si è accorta 
che avevo preso tutte le ricevute della carta di credito di papà, che lui getta da anni in un cassetto, e ne avevo fatto un bel tappeto tutto accartocciato.
"Graurr, voglio il tuo scalpo!" ha ululato prima di assalirmi con forze preponderanti.

PS mamma mi cura soprattutto con le medicine omeopatiche, che qui in italia costano tantissimo rispetto all’estero, ma guarda! Sta progettando di andare a Parigi dalla mattina alla sera e fare incetta di flaconi e globulini.
"Mi costa meno così che andare alla farmacia all’angolo", ha detto. Se qualche altra mamma è interessata alla spedizione…

Annunci

In questo mondo di ladri

Standard

Sono basita, non ci avrei mai creduto, io pensavo che il latte per noi bimbi lo facessero pagare uno sproposito perché qui in Italia vendono solo i prodotti migliori. Ma guarda, invece erano un’accolita di ladroni del quartierino.

"L’Antitrust ha sanzionato per 9.743.000 euro alcuni produttori di latte per l’infanzia che hanno fatto "cartello per mantenere elevati livelli di prezzo, superiori agli altri Paesi europei anche del doppio o del triplo".
Le aziende sono Heinz Italia, Plada, Nestlè Italiana, Nutricia, Milupa, Humana Italia, Milte Italia.
La differenza tra i prezzi italiani e quelli esteri era, nella maggioranza dei casi, maggiore del 150 per cento, con punte di oltre il 300 per cento per i latti di partenza, nonché maggiore del 100 per cento, con punte di oltre il 200 per cento, per i latti di proseguimento.
Queste le multe previste per ogni azienda: Heinz Italia 279.000 euro; Plada 3.022.000 euro; Nestlè italiana 3.300.000 euro; Nutricia 629.000 euro; Milupa 938.000 euro; Humana Italia 1.377.000 euro; Milte Italia 198.000 euro".

qui l’articolo completo

genetliaci

Standard

Ieri è stato il compleanno del Miserabile Facchino. Grandi festeggiamenti, giubilo nelle stanze e tutti che acclamavo l’eroe dell’appartamento! In realtà la mattina ci siamo alzati e solo dopo un po’ qualcuno si è ricordato.

Mamma-moglie "…ah, ops, auguri…".

Siamo partiti, io mamma e papà, per andare da nonna Franca che attendeva trepidante l’arrivo del suo figlioletto. Abbiamo lasciato Andrea con tata Cristina. Appena arrivati mamma ha preso d’assalto il parrucchiere e si è dileguata, io e papà siamo andati su a casa e nonna non c’era. E’ arrivata dopo un bel po’. Mi ha dato un sacco di baci.

"Pensavo venissi solo tu". Ha detto a papà per scusarsi di aver fatto tardi.
Dopo dieci minuti, "ah, ops, auguri…".

Abbiamo raccolto noci sul terreno e ho voluto assaggiarle subito, papà ha riempito una grande busta che abbiamo portato indietro.
Quando mamma l’ha vista ha detto "sono troppe, ne abbiamo per i prossimi ventidue anni".

Questo compleanno di papà è passato un po’ in sordina, lui però ha spento con passione e ardimento le candeline d’ordinanza. Gli ho cantato con voce chiara e cristallina "tanti auguri a te" e poi è arrivato zio Agostino.

"Non ho fame", ha tuonato in risposta alle tentazioni culinarie presenti.

Però dopo l’abbiamo visto in cucina che sbranava abbacchio e patatine dentro la teglia, lasciando solo pochi frammenti, ha accettato anche qualche modesta fetta di ciambellone.

Ho mangiato tante fettuccine, il mio raffreddore è peggiorato e al ritorno, in macchina, mi sono accorta con orrore di aver dimenticato a Subiaco il mio leopardo! Ho pianto allora nonna, chiamata al telefono, mi ha detto che avrebbe messo il peluche nel lettino ad aspettarmi. Ho immediatamente ronfato fino a casa ma il mio naso è un fastidio moccioloso.

La legnaia di nonna,a primavera rimarranno solo pochi ciocchi. La legna da ardere è stata sistemata quest’estate da papà che ne ha anche tagliata un po’. Sembrava un boscaiolo del Quebec. Insomma, quasi… Diciamo una piccola parodia di un boscaiolo del Quebec, con l’ascia che pesava quasi quanto lui.

A questa mola da mulino sono molto affezionata, è un angolo dove non va mai nessuno ma che è bellissimo, le panchine di mattoncini si rompono continuamente a causa del gelo. Ieri c’erano tutte foglie sopra perché qui l’autunno sta arrivando.

Un vaso con rose sul tavolo da pranzo di nonna, sono un po’ malinconiche e tanto dolci.

Standard

Immagine riclicata di quest'estate!

Ieri lezione di nuoto! io, il cigno imperiale, ho solcato le acque della piscina con incedere maestoso. beh, quasi… però ho fatto dorso. Cos’è?, non saprei, ma stavo sulla schiena e mi agitavo scompostamente. Sono passata sotto archi trionfali preparati dall’istruttrice e occhieggiavo mamma che, distante una ventina di metri, dietro una vetrata al feddo e al gelo, mi fissava con sguardo allucinato.

"Flaminia, te lo scordi che passo l’inverno là".
"Se non vedo mamma piango!".
"Tanto sei in acqua".

Poi ho fatto una bella doccia calda e sono tornata a tormentare Godzilla, che ha pensato bene di diventare un soprammobile. Non ci credete? guardate qui.

Il soprammobile Godzilla

Mamma e Cristina erano contentissime per questa prestazione del ranocchio, che a furia di volersi arrampicare dappertutto sta diventando piuttosto bravino. Prima ha imparato a salire sulla poltrona, poi a scavalcarla, poi a usarla come scala per i ripiani. Se cade da là si sfracella.
Gli chiudo la porta sul muso ogni istante, lui piange e si butta tra le braccia del primo adulto che passa di là. Papà mi minaccia di morte dolorosa se dovessi schiacciare le mani a Godzi, però me le sono schiacciate io, che dolore! Oggi il Miserabile Facchino mi ha regalato un pupazzo di peluche che ho chiamato leopardo 1356. Gli altri 1355 sono in giro per casa insieme ai 6012 leoni, e 5168 cagnolini e così via.

golosaggini

Standard

Adorati 10 lettori, quando Godzilla ha la tosse mamma gli spruzza in bocca dell’essenza di propoli che a lui piace molto. Poiché in questi giorni è in mediocri condizioni fisiche  lei, dopo averlo foraggiato e spruzzettato, ha lasciato la boccetta sul tavolo da pranzo. Io, nota avvinazzata, l’ho presa e mmmh che buona, me la sono scolata tutta.

"Flaminia, cosa xx#@ hai fatto??".
"Era buona!".

Non m’è venuto mal di pancia, mamma spaventata ha telefonato al centro antiveleni. No, nemmeno un fastidio, la mia pancia è tritatutto. Papà ha detto "l’usiamo come assaggiatrice".

Alla scoperta delle Frasi Da Non Dire.

Flaminia: "mamma, quando eri giovane…".
"Non si dice!".
"Ma quando eri giovane ieri…".
"Sob…!". 

Per farmi perdonare quando papà è venuto a prendermi all’asilo abbiamo comperato una bellissima rosa di stoffa che volevo regalarle quando tornava, ma la rosa è arrivata solo parzialmente sana a sera.

"Flaminia! Hai distrutto la rosa!".
"E’ stata Racchia*!" mi sono difesa.

Il Miserabile Facchino l’ha pietosamente ricomposta e l’abbiamo messa sul tavolo perché la Grande Generatrice arrivava molto tardi dal lavoro. Io già dormivo e stamattina appena sveglia ho biascicato "mlabrosamammadov’è?" così sono salita sul lettone e mamma mi ha dato un bacio ringraziandomi del regalo e siamo state strette strette qualche minuto, prima che arrivasse l’abominevole ora d’andare a scuola.

Con papà siamo quindi usciti di casa e qui ha preso il via la pantomima. Cigolando come il portone di un vecchio maniero mi sono abbarbicata a papà e ho voluto essere presa in braccio. Peso solo sedici chili e mezzo lordi (me + vestiti + zainetto) e lui mi scarrozza per salite e discese fino all’asilo, dove mi depone massaggiandosi la schiena. Domani vi racconto la mia lezione di nuoto.

* Racchia: noto personaggio mitologico, quintessenza della bruttezza e dell’antipatia, è adusa al furto di miei oggetti al fine di mangiarseli.

Trasloco! Avviso!

Standard

Miei adorati 30, 20, beh, 10 lettori, stufa di sottostare ai capricci del Miserabile Facchino, mi trasferisco in un dominio tutto mio che potete trovare qui . (per i gentili dummies: http://ainu.splinder.com) Questa decisione irrevocabile segna la prima tappa della mia inarrestabile marcia verso l’indipendenza. Un bacio a quelli che non seguendomi si fermeranno qui (spero vi venga un prurito), un abbraccio a quelli che mi seguiranno (sarete gioiosi a lungo).

post da trasloco

Standard

moi, moi!

Nel calzino rosso a strisce ho messo la piccola piccola torcia elettrica, una scarpetta rosa, un pettinino a forma di cavalluccio marino, una gomma per cancellare, tiro fuori tutto per giocare, poi ho cura di rimettere dentro le cose. La notte dormo col telefonino spento di papà, la mattina lo chiamo.
Papà si sdraia e Andrea gli salta addosso gridando eiaaaa, daaaa! Appena può gli morde la testa, come il conte Ugolino. Papà ride e Godzi s’arrampica sui divani, sui mobili, cerca di afferrare tutto e piange quando gli chiudo la porta sul muso perché voglio mettere in ordine la camera.
Oggi a Roma ha piovuto sempre, abbiamo ripreso il Gioco della Savana con Babbuino e Cagnotto. Ho seminato peluche per tutto il soggiorno, erano settimane che non lo facevo. Oggi ho dormito tra mamma e papà. 
Il gelato alla panna che ha comperato mamma non mi è piaciuto, però ho mangiato tanto mais.

PS, mi sono trasferita qui stanca delle angherie del Miserabile Facchino, il vecchio indirizzo era questo

<!–

<rdf:Description rdf:about="http://diariodibimba.splinder.com/post/5946392&quot;
dc:identifier="http://diariodibimba.splinder.com/post/5946392&quot;
dc:title="Le cose e il giorno"
dc:subject="briciole"

–>